Landing page per vendere? Piccoli utili suggerimenti nati dall’esperienza

Hai letto le guide dedicate al content marketing e all’inbound marketing e sei convinto di avere creato una landing page per vendere efficace, ma i risultati che leggi sul tuo pannello di Google Analytics non ti convincono del tutto e le conversioni sono ancora inferiori alle aspettative.

I motivi per cui i visitatori non stanno comprando sulla tua landing page possono essere molti, addirittura potresti aver sbagliato clamorosamente la tua offerta e il target a cui ti rivolgi. Eppure molto spesso bastano alcuni piccoli suggerimenti per sistemare le cose.

 

Chiarezza della call-to-action

Una pagina, una keyword ma soprattutto una call to action per non confondere il visitatore e aiutarlo a comprare, scaricare, iscriversi dalla tua landing page.  Sottolinea il valore del contenuto e dell’offerta proposta nella landing page e il minimo sforzo richiesto per ottenerla (un click o la compilazione di un form).

Infine alcune caratteristiche grafiche come la grandezza e il colore della call-to-action possono modificare sensibilmente i risultati ottenuti. Il mio consiglio? Utilizzare un colore completamente diverso da quelli riprodotti sulla tua landing page per attirare maggiormente l’attenzione.

 

Rassicura il potenziale cliente

Probabilmente qualcuno non sarà convinto della tua proposta ed esiterà a fornirti i suoi dati attraverso la compilazione del form. Il mio consiglio? Rassicurare che non verrà fatto spam e che i suoi dati sono in mani sicure e non verranno ceduti ad aziende terze. Poca cosa? No, quando si parla di raccolta di indirizzi email e numeri telefonici.

 

Ottimizzazione per il mobile

Una landing page efficace è oggi sempre di più una landing page ottimizzata per il mobile, specie se consideriamo che la maggior parte delle ricerche viene fatta via smartphone (circa il 50% del totale).

Quindi non solo il sito ma anche la landing vanno ottimizzati per il mobile per consentire all’utente la miglior esperienza di navigazione possibile e agevolare il riempimento dei form e i download dell’eventuale materiale gratuito messo a disposizione.

 

Naturalmente questi suggerimenti servono solo ad ottimizzare una landing page per far sì che vi sia quell’incremento delle conversioni tanto atteso, ma il processo di realizzazione di una landing page per vendere parte dalla definizione del nome dominio e della focus keyword che porterà i visitatori sulla pagina.

E tu che esperienza hai con le landing page? Quelle che hai realizzato potevano fare di più o hai sempre raggiunto gli obiettivi previsti?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *