Sito web fai da te? Ecco perché non è la soluzione ideale per la tua azienda

Hai deciso di cominciare la tua carriera di libero professionista o avviare un’attività in proprio e stai pensando alla pubblicazione del tuo sito web.  In questo articolo voglio spiegarti perché è meglio non rivolgersi alle società di visual site o siti fai da te come Seat Pagine Gialle, Register, Pagine Si, One to One, Wix e similari.

Innanzitutto siti come questi difficilmente ti permetteranno di differenziarti dalla concorrenza, sempre più agguerrita in ogni settore di mercato, e di comunicare nel migliore dei modi il valore del tuo servizio e prodotto. Certo, Visual Site di Pagine Gialle ti offre un template prestabilito per avere un sito prefabbricato ed essere online in poche ore, ma sei proprio sicuro che questa scelta sia di qualche utilità per la tua azienda e di volere un’immagine aziendale identica a quella dei competitor?

Un sito richiede lo studio delle esigenze comunicative, l’identificazione del pubblico a cui ci si rivolge, lo studio di una grafica dedicata. Sui siti prefabbricati di sicuro perderà valore l’immagine dell’azienda in quando l’unico dettaglio in grado di fare la differenza sarà il logo.

Da cosa valuti l’efficacia di un sito? Certamente non dall’estetica, ma piuttosto dal codice (HTML, CSS etc.) che gioca un ruolo fondamentale per il corretto posizionamento su Google. Un sito fai da te non presenterà tag h1, meta description e meta title. Infine pensiamo al nome del dominio, che è una scelta altrettanto importante in quanto rappresenta il nostro biglietto da visita e deve essere facile da ricordare.

Difficilmente il sito fai da te ti permetterà di ottimizzare keyword, title e description per un migliore posizionamento online o ti offrirà la possibilità di personalizzare il tuo dominio.

Parliamo infine dei costi: realizzare un sito su Pagine Gialle con supporto per la migliore visibilità sui motori di ricerca costa intorno ai 1000 euro/anno, non vale forse la pena di realizzare per molto meno una landing page ottimizzata per portare nuovi clienti alla tua attività? Infine considera che un buon sito web deve essere attuale e in linea con i trend del momento per almeno 5 anni, periodo di vita media. Consideriamo 1000 euro anno per 5 anni e sono 5000 euro: siamo sicuri che un sito prefabbricato abbia quel valore?

In conclusione, se pensi che realizzare un sito web aziendale fai da te sia la soluzione più efficace e conveniente per la tua azienda fermati e rifletti: un sito e un supporto personalizzato saranno in grado di portare risultati sicuramente maggiori alla tua azienda e attività. Parlo per esperienza diretta.

Hai un sito web aziendale? Anche se sei una PMI non puoi fare a meno della SEO

Ti hanno nominato questo termine non appena il tuo nuovo sito web aziendale è stato pubblicato online, ma cos’è realmente e qual’è l’importanza della SEO per il sito web aziendale?

La SEO (Search Engine Optimization) comprende tutte quelle attività volte a ottenere e migliorare rilevazione, analisi e utenti del sito web da parte dei motori di ricerca attraverso i loro spider al fine di mantenere un elevato posizionamento nelle pagine di risposta alle interrogazioni degli utenti sul web (fonte Wikipedia).

Più il tuo sito web è ottimizzato, meglio apparirai nei risultati su Google e più facile sarà per i tuoi potenziali clienti trovarti e contattarti. Studiare la SEO è un lavoro lungo, difficoltoso ma soprattutto richiede un costante aggiornamento per cui, se in azienda non hai un esperto della materia a tua disposizione, il consiglio è evitare il fai da te e rivolgerti ad un’agenzia di comunicazione web specializzata.

Ma cosa ti permette di ottenere una valida strategia SEO nel tempo? Innanzitutto incrementare le visite al tuo sito web o e-commerce, raggiungere nuovi potenziali clienti ottimizzando le pagine per le keyword più cercate, far crescere il fatturato attraverso un incremento delle vendite effettuate grazie alla promozione online

Investire del tempo e del denaro nello studio di una valida strategia SEO ti permetterà di rafforzare la conoscenza della tua azienda e dei prodotti e servizi che offri e quindi vendere di più. Ma la SEO da sola non basta: è necessario integrarla con una precisa strategia di content marketing e social media marketing per poter ottenere risultati concreti nel breve-medio periodo. Anche se sei una PMI e ti trovi a competere con le grandi aziende.

seo AITECH Grafica & Media

La fase strategica dello sviluppo di una strategia SEO: la scelta delle keywords

Ogni attività SEO è priva di senso se prima – e andrebbe fatto già in fase di realizzazione del sito web prima di pensare a grafica e design – non si analizza per quali keywords posizionarsi in confronto ai competitor.

Il mio consiglio, specie se si è una PMI, è scegliere parole non troppo generiche ma applicare la tecnica della long tail keyword (o tecnica della coda lunga) secondo cui i prodotti di nicchia hanno maggiore successo in termini di visibilità e posizionamento. Un esempio: se vi occupate di turismo e il vostro sito ha pochi mesi di vita vi sarà difficile posizionarvi per “turismo Milano” e più facile per “bed & breakfast zona Cadorna Milano”.

Non solo keywords: per fare SEO sono utili Digital PR e Guest Blogging

Utili a fini della SEO sono anche il numero e la qualità dei link esterni che portano al vostro sito, per cui non crediate che sia un lavoro solo da programmatori: la buona attività SEO, soprattutto all’inizio, richiede molte Digital Public Relation e Guest Blogging.

Insomma si tratta di un lavoro che coinvolge a 360° esperti di programmazione, marketing, comunicazione e pubbliche relazioni e solo l’integrazione delle competenze porterà a quell’aumento di clienti e fatturato tanto desiderato.

La risposta alla domanda che tutti si fanno: come aumentare le visite del blog?

Ti rispondo subito: i modi per aumentare le visite del blog sono tantissimi ma non tutti danno risultati immediati, anzi per scalare le posizioni di Google ci vuole tanto tempo e fatica. Un lavoro che però, se fatto bene, porta a risultati importanti in termini di visibilità e incremento delle vendite.

Ricorda però che non basta fare “comment marketing”, non basta essere online né produrre contenuti di qualità: queste sono solo le basi del blogger di successo a cui devi aggiungere le attività che vedrai tra poco.

 

Usa i social: sono l’amplificatore della tua comunicazione

Ora che hai aperto il blog, devi selezionare con cura i social più adatti al tuo target su cui condividere i contenuti che pubblicherai online. Ricorda però che i social media non sono un feed Rss e devi entrare in contatto con le persone, non solo ripubblicare i contenuti del tuo blog (errore che fanno ancora in molti!). Condividi i post del tuo settore, offri risorse utili e diventa un punto di riferimento per il tuo target: più interagisci e condividi e più sarai condiviso!

Non dimenticare poi di inserire i bottoni social a vista all’inizio dell’articolo e usa pulsanti con il counter per farti forza con la teoria della riprova sociale: più persone condivideranno il tuo contenuto, più altri saranno disposti a farlo.

 

Promuovi senza paura anche i vecchi articoli

Dando per naturale che produrrai ogni giorno o ogni settimana un contenuto fresco e originale, non aver paura di sfruttare i social media per pubblicizzare vecchi post riadattati e modificati. Avvisa il lettore che il contenuto è datato…ma sicuramente raggiungerai qualcuno che non l’ha ancora letto!

 

Fai “comment marketing”

Il vero blogger è dovunque, lascia commenti nei forum e nelle community ed è sempre attivo per farsi conoscere. Scrivendo commenti simili a guest post, rivolgendo la propria attenzione a blog simili al tuo e utilizzando i link giusti hai tutte le carte in regola per ampliare la tua visibilità.

 

Scegli le keywords giuste

Naturalmente il tuo obiettivo è farti trovare sui motori di ricerca, da Google ma non solo. Allora nello scrivere il tuo prossimo articolo fai attenzione ad inserire le keyword giuste nel tag title, nel tag alt delle immagini e nel testo. Se non sai quali sono le parole chiavi migliori usa tool gratuiti come AdWord e Ubersuggest.

 

Pubblica una guida

L’ultimo consiglio per aumentare le visite sul tuo blog è quello di pubblicare una guida offrendo ai tuoi lettori la soluzione per risolvere un problema. Una guida è lo strumento che più viene linkato e condiviso online, oltre che suggerito tramite il passaparola.

Un articolo che risponde a un concreto bisogno del lettore diventa una fonte inesauribile di traffico.

 

Seguendo questi consigli sono sicuro che il tuo blog raggiungerà in poco tempo la visibilità che merita e tu potrai contare su nuovi clienti a cui proporre i tuoi prodotti e servizi. Se invece ritieni di aver bisogno di un aiuto nella stesura dei post, nello sviluppo del piano editoriale e nella creazione di materiali creativi contattaci.

Siamo qui per aiutarti!

Facebook, Twitter e Linkedin in azienda? Utilissimi ma non per tutti

Qual’è l’importanza di usare i social media in azienda? Qual è il budget necessario a rendere la presenza online realmente efficace? Quali sono i ritorni che ci si può attendere da essi?

Se non sei su Facebook non esisti: è quello che ti fanno credere esperti e consulenti, mass media e amici. Ed ecco un continuo nascere di pagine aziendali mal gestite e poi abbandonate a se stesse.
Ma è davvero così importante per un’azienda (sia essa B2B o B2C) avere una pagina sui social media e quali sono i ritorni che ci si può attendere? Ma soprattutto qual è il budget necessario a rendere la presenza online realmente efficace? Inutile perdere tempo, per essere visibile su Facebook, Twitter, Linkedin devi pagare: non basta più dare 300 euro al mese al nipote o allo stagista e stare a vedere cosa succede.

I dati e l’esperienza lo confermano, i social media sono utili se si hanno risorse adeguate in termini di budget e competenze di chi li andrà a gestire. Ma quanto devo investire per avere ritorni di aumento delle vendite e della popolarità del marchio?
La risposta è «dipende». Diffidate comunque di chi vi dice che si possono ottenere grandi risultati a basso budget: ottenere l’attenzione del cliente potenziale ed entrare nella sua bacheca richiede investimenti notevoli.

Certo un buon lavoro di targetizzazione e di studio del messaggio permetterà di risparmiare. Impossibile quindi parlare di cifre senza un preventivo che comprenda una chiara e completa definizione degli obiettivi di marketing da raggiungere attraverso i social media.

Ma non basta avere le idee chiare: occorre anche investire in termini di competenze, perché il lavoro del Social Media Manager non si improvvisa e non è vero che ogni adolescente – sicuramente più abile e veloce nel gestire la sua pagina – sia anche un esperto di comunicazione d’impresa e magari comunicazione in caso di crisi, evento sempre più diffuso proprio sui social media.

Si tratti di un team o di una risorsa interna all’azienda, si tratti di un consulente esterno, la presenza sui social media va affidata a una persona con competenze di comunicazione, marketing, psicologia.

Siete soli e avete poco tempo? Piuttosto che essere presenti su tutti i social studiate con un esperto quali sono quelli realmente efficaci per la vostra azienda e mantenete una presenza studiata solo su quelli. I ritorni, se il lavoro è affidato a mani esperte, arriveranno sicuramente, parola di consulente.

Content marketing in azienda: ecco perché non può più mancare

Per sviluppare una valida strategia di content marketing in azienda non potete più rivolgervi alla segretaria o all’amico che scrive bene e ha del tempo libero a disposizione, ma necessitate di un team di grafici, esperti di marketing, social media manager oltre che del coinvolgimento attivo dei vostri dipendenti. Vi sembra troppo complicato o pensate che la vostra azienda sia troppo piccola per poter beneficiare realmente di una attività di content marketing? Vi sbagliate.

Rivolgendovi ad un’agenzia di comunicazione web come AITECH Grafica & Media potrete contare su esperti di grafica, social media marketing e content marketing che in brevissimo tempo miglioreranno la vostra visibilità e reputazione online.

Di questi tempi infatti social media, blog, newsletter e landing page non sono più un optional ma una parte essenziale della vostra strategia di marketing e la realizzazione di un blog aziendale collegato ad uno o più account sui social media porta – per esperienza personale sui nostri clienti – ad un incremento delle vendite e della visibilità della vostra azienda in brevissimo tempo, indipendentemente dalle sue dimensioni (lo stesso discorso vale per il libero professionista che vuole promuovere la sua attività online).

Il content marketing è stato l’elemento fondamentale delle strategie di marketing delle aziende del 2015 e continua ad esserlo anche in questo 2016, dimostrando ancora una volta la veridicità del motto “content is the king”.

Naturalmente creare contenuti moderni, interessanti e validi che raccontino la storia della tua azienda e dei suoi prodotti e servizi spingendo il potenziale cliente a compiere un’azione (comprare online, iscriversi a una newsletter, scaricare un catalogo, contattare l’ufficio commerciale) non è semplice. Il problema che spesso gli imprenditori si trovano davanti è “cosa posso scrivere?”.

Ed è proprio qui che entra in vostro aiuto il team di AITECH Grafica & Media: raccontateci chi siete e cosa siete bravi a fare e noi creeremo articoli per il vostro blog, contenuti divertenti e virali per i social media, pannelli pubblicitari e infografiche da pubblicare e condividere online. Per mettere la vostra azienda al centro!